SOFIA BUCCI

IL SAPORE DELLE FOGLIE

 

9 febbraio 23 marzo

LATO, piazza San Marco, 13 Prato

 

Inaugurazione: 9 febbraio ore 18.30

 

 

Sofia Bucci con il suo lavoro "Il sapore delle foglie" è uno dei venti autori selezionati e premiati dai curatori, Pietro Gaglianò e Giulia Ticozzi, della seconda edizione di Slideluck Prato realizzata dall’associazione Sedici. Anche quest’anno Lato è stato partner di Slideluck Prato, offrendo a Sofia la possibilità di esporre il suo lavoro all’interno del proprio spazio. 

La mostra è interamente prodotta e curata da Sedici con la collaborazione di Luca Gambacorti.

 

 

Il sapore delle foglie è una storia di una malattia seguita da una guarigione, un ritorno alla luce dopo la tempesta. 

Il ricordo ritorna come un’esperienza fisica, lo si sente ancora in bocca, il sapore, l’odore, il taglio, la cucitura, l’impronta della vita.

Il sapore delle foglie sono fotografie che compongono un libro da sfogliare, la prima pubblicazione editoriale dell’artista, come una memoria residua, quello che resta dopo un viaggio. Parti di corpo, geografie di sentimenti senza spazio e tempo. 

I colori sono quelli del sogno a occhi aperti.

 

 

La mostra sarà visitabile fino al 23 marzo 2018.

lunedì-venerdì 9.00-13.00 | 15.00-19.00

ingresso libero

 

EVENTO FACEBOOK

-

 

L'evento rientro nel calendario di .con | Contemporaneo Condiviso, un network di spazi no-profit per il Contemporaneo a Prato.

 

 

 


 

 

 

 

BIO

 

Sofia Bucci respira dal 28 Aprile 1991, fotografa e rilegatrice di libri nel tempo libero. Si occupa di self-publish e DIY book. Vive a Giulianello, in provincia di Latina. Dopo il diploma di maturità classica intraprende gli studi presso la Scuola Romana di Fotografia, dove consegue il Terzo Master. Non scatta foto facili o difficili. Scatta foto. Terresti e terrene come lei, con la consapevolezza che la sua adesione al suolo è una zavorra e non solo una forma di legame appassionato alla realtà. Racconta di sé; vanitosa quanto basta perché possa rileggersi e non urtarsi; delle persone che ama e che ci sono. Di quelle che porta dentro perché non è riuscita a portarle di fianco. Parla di poche cose, sempre le stesse, in verità. Ma sono vere. A chi lo desidera, lascia il beneficio del dubbio e dell’immaginazione. Ma sono vere.

 

www.sofiabucci.com


SHARE